Romano Guardini - Vorrei aiutare gli altri a vedere con occhi nuovi

Il Polo Culturale e Museale della Scuola Grande di San Marco di Venezia è lieto di presentare gli eventi in programma in riferimento alla mostra su Romano Guardini, uno dei maggiori pensatori del Novecento.

Venerdì 28 Febbraio 2020
ore 16.00 Sala San Domenico
Prof. Massimo BORGHESI, Università di Perugia

Oltre la divisione. Jorge Mario Bergoglio
lettore di Romano Guardini

Introduce e modera: Prof. Paolo Pagani,
Università di Venezia Ca' Foscari


Venerdì 6 Marzo 2020
ore 16.00, Sala San Domenico
Prof. Carlo Mario FEDELI, Università di Torino

"Ci sono due matricole...". Guardini educatore

Introduce e modera: prof. Giovanni Bresadola
Istituto Universitario Salesiano di Venezia

 

La mostra prosegue 

dal 10 Gennaio fino al 10 Marzo 
Portego delle Colonne
Scuola Grande di San Marco 

L’ingresso è libero e gratuito

 

Di seguito vogliamo condividere il commento alla mostra su Romano Guardini espresso dalla nostra guida incaricata Nicola Dalla Bella ed alcune immagini dell'inaugurazione. 

 

Vorrei aiutare gli altri a vedere con occhi nuovi

Romano Guardini. Nome certamente estraneo a molti, sebbene la sua figura abbia saputo incidere in modo silenzioso sull’ambito della cristianità. E non solo. Come lui pochi sono riusciti a rispondere responsabilmente ad una situazione europea quella novecentesca sempre più distante da Dio, sempre più distante dall’Uomo. In quell’esatto frangente storico in cui imperversavano i peggiori totalitarismi mai concepiti nell’umanità, in cui l’uomo dall’alto della sua ideologia moderna osava dimenticare Dio nei suoi gesti quotidiani, in cui la Chiesa non sapeva più dimostrare a sé stessa e all’uomo di essere all’altezza del suo desiderio di felicità, in quell’esatto frangente storico insomma Guardini aveva azzardato a ritornare a Cristo. A ritornare all’origine dove all’uomo è stata data per la prima volta la possibilità di essere veramente liberi. Ciò è accaduto in un Avvenimento di straordinaria bellezza successo ormai quasi duemila anni fa attraverso il quale Dio, la consistenza di cui tutte le cose sono state fatte, si è deciso di rendersi famigliare all’uomo introducendosi nella nostra storia di uomini.

La nostra Scuola Grande di San Marco è lieta di aver accolto l’iniziativa di esporre nella sala d’ingresso all’Ospedale Civile di Venezia, una essenziale mostra sulla vita, le opere e i pensieri di un pensatore cattolico tra i migliori che il secolo passato abbia saputo offrire. Si impegnerà grazie all’aiuto di fidati collaboratori ad accompagnarvi lungo il percorso all’approfondimento del suo rapporto con la modernità, del suo modo di intendere il Cristianesimo in termini tradizionali e al contempo innovativi, della modalità con cui sapeva educare alla libertà movimenti giovanili a lui contemporanei e successivi. Non accontentandosi abbastanza, la Scuola di San Marco ha l’onore di farvi gustare con lo sguardo capolavori artistici come un antico vaso di Murano e un maestoso seppur semplice calice secondo i canoni della liturgia antecedenti al Vaticano II. Insomma vogliamo proprio spiegarvi nei migliori modi possibili anche come Guardini sapeva cogliere con sguardo di stupore e di ammirazione tutti gli aspetti concepibili della vita, da quelli profani a quelli sacri.

È comprensibile perciò in quest’ottica l’intervento fatto dal Cardinale Robert Sarah all’inaugurazione della nostra mostra avvenuta il 10 gennaio 2020:

“Per Romano Guardini gli occhi nuovi sono quelli che ci permettono di contemplare la bellezza nel suo intimo legame con la verità. Perché come la preghiera è legata alla verità, così la contemplazione della Bellezza ha il suo legame con la verità. Egli, infatti, esprimeva molto chiaramente questo concetto dicendo che: «l’anima della bellezza è la verità».”

 

Guida incaricata della Mostra
Nicola Dalla Bella
Corso Magistrale in Storia – Università Ca’ Foscari